Quello che percepiva il reddito di cittadinanza con 78 auto intestate

Altre Notizie

Meloni, quel folkloristico turbinar confuso tra acque che si separano e altre che scompaiono per la siccità

di Alfredo Falletti Parlottando con Giorgetti avrà annotato sul suo taccuino “mo’ se famo du risate”, ma non è detto, e galeotto fu forse l’appunto disordinato all’origine di un folkloristico turbinar confuso di reminiscenze di catechismo, storia e geografia fino al punto da non rendersi conto che il buon Mosè non c’entra proprio nulla né […]

Teatro Storchi presenta “Ima”. Il 25 marzo

di Redazione Spettacoli Sabato 25 marzo alle ore 19.00 va in scena in prima nazionale al Teatro Storchi di Modena IMA, il progetto per cinque danzatori della compagnia Komoco diretta da Sofia Nappi, coreografa, danzatrice di formazione internazionale, che sta conseguendo a Tel Aviv la certificazione come insegnante di tecnica Gaga, il linguaggio sviluppato dal […]

Condividi

di Daniele Santi #LOpinone twitter@modenanewsgaia #Modena

 

E’ una succosa notizia all’italiana, di quell’Italia targata Lega di Salvini e M5S di Di Maio, quella che arriva da Modena, e riguarda il cittadino percettore di reddito di cittadinanza che risulta intestatario di 78 automobili. L’uomo è un senza dimora 42enne che ha totalizzato un 12mila euro di multe non pagate, tutte recapitate al suo indirizzo fittizio, ed è arrivato – riferisce il quotidiano Modena Today – ad averne 87 di auto intestate a suo nome e ad avere addirittura intestata a suo nome una rivendita di automobili.

Tutto senza avere nemmeno presentato la dichiarazione dei redditi.

Se questi sono i risultati dei controlli capillari che il governo Lega-M5S aveva promesso quando fu varata la misura assistenziale – non un solo posto di lavoro creato dalla sua introduzione – molto prima dei pieni poteri e del Papeete ed ere geologiche prima della dipartita obbligata dell’ex steward del San Paolo ed all’interno della solita stantìa campagna sull’onestà e sulla delinquenza altrui – unite alla narrazione della sicurezza delle misure che il governicchio avrebbe dovuto prendere per vigilare sull’integrità morale dei percettori di reddito di cittadinanza.

L’uomo dovrà restituire 4mila euro. E si potrebbe continuare in eterno a fare battute. A partire dal boss della ‘ndrangheta finito in galera perché percettore del reddito di cittadinanza.

 

 

 

(24 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: