Von der Leyen e Lagarde: i grandi pentaleghisti consegnano l’UE nelle mani di Francia e Germania

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

La nuova presidente della Commissione Europea Von der Leyen e la nuova presidente della BCE Lagarde (foto Repubblica)

di Redazione #Politica twitter@gaiaitaliacom #UnioneEuropea

 

Dunque i geni della politica pentaleghista che tutto sa, tutto può e tutto dice – peccato che fuori dai confini delle percentuali di votanti nessuno li ascolti – sono riusciti dove nemmeno un analfabeta sarebbe riuscito: hanno consegnato chiavi in mano l’Unione Europea alla Francia e alla Germania. In rigoroso ordine alfabetico.

Le due maggiori istituzione europee hanno vertici al femminile: la tedesca Von der Leyen, delfina di Angela Merkel, è la nuova presidente della Commissione Europea; la potentissima Christne Lagerde è ai vertici della BCE. All’Italia un commissariucolo alla concorrenza – leghista – che avrà anche la sua poltroncina all’interno del board della BCE, perché alla Lega piace stare vicina ai soldi, come la storia recente insegna. E questi volevano una poltrona pesante, questo raccontavano. In realtà volevano soltanto una poltrona per la Lega che rimanesse della Lega anche una volta caduto questo governicchio dell’incapacità. Bersaglio centrato.

Il posto assegnato al leghistucolo è funzionale alla strategia di Matteo Salvini che così potrà dire che l’Italia, contando come una pinella se si gioca a briscola, non viene ascoltata e potrà aizzare i suoi barbari contro l’Unione Europea. A meno di ordini dall’alto, berlusconiani nel caso, che non gli impongano una certa calma o di una certa convenienza che venga fatta notare direttamente da quella poltroncina lì, apparentemente insignificante.

 


 

(2 luglio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 





 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: