10.7 C
Sassuolo
11.1 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

Libri per la scuola di arabo di Fiorano Modenese

Donati dal Rotary di Sassuolo per i 70 studenti dell’attività didattica portata avanti dall’associazione “L’alba degli angeli”, provenienti da tutto il distretto ceramico [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeIl CommentoIl Mes is a mess (parte seconda) o di come ce la...

Il Mes is a mess (parte seconda) o di come ce la faranno pagare

di G.G.

Mentre nostra signora dei miracoli si ammala di un’influenza diplomatica, sono le peggiori, praticamente inguaribili ricaduta dopo ricaduta, e nemmeno perde tempo a commentare il no al Mes, organizzato parrebbe sotto dettatura proprio nei giorni del maledetto virus influenzale, si prospetta una soluzione europea per il meccanismo di stabilità che coinvolga tutti i paesi firmatari: senza l’Italia. Facile immaginare in quale direzione la speculazione finanziaria si dirigerà. Facile immaginare una flop bis, dopo quello del 2011 con Meloni già presente, facile immaginare persino le giustificazioni: colpa dell’Europa. Il solito, insulso cialtronismo.

Così mentre l’Italia tutta gode dello straordinario gossip mediatico montato attorno all’augusta Ferragni De’ Pandori Fedez, ad uso di coloro che la chiamano ladra sui social per poi vendere all’asta pandori vecchi di almeno un anno a centinaia di milioni di euro, perché l’onestà è fondamentale, ma la devono praticare solo gli altri, ecco il futuro secondo Meloni & premiato Governicchio: un paese dove vivano soltanto coloro che per età o condizioni altre decidano di affidarsi a una simile accozzaglia di incapacità e di promesse non mantenute e ai quali di un Mes dicasi accordo intergovernativo (e non trattato comunitario come l’ha raccontato il solito noto), dicasi intesa tra gli esecutivi dei venti Paesi che adottano l’euro come moneta, non frega una beata minchia perché continuano a fare i conti in lire. Di fronte a un simile paese, con simili genti che votano in un simile modo, non resta che emigrare certi che, andandocene, contribuiremo a quel paese che questa destra orribile sogna: una popolazione disposta a cadere in qualsiasi trappola verbale, acritica, di cultura impresentabile e profondamente fascista (non perché di destra, ma perché è tale).

Nel frattempo alcuni Paesi del nord Europa (compresa la Germania) che non hanno per niente apprezzato il tradimento della parola data sulla ratifica del Mes dalla signora di tutti i miracoli non mantenuti, cominciano a pensare a come isolare l’Italia in Europa che è esattamente ciò che questa destra vuole. State a vedere.

 

 

(23 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


LEGGI ANCHE