La Giunta Menani a sostegno delle attività commerciali, soprattutto se vanno contro le decisioni governative

Il Sindaco leghista di Sassuolo, Menani

di G.G., #IlSassolino

 

Il comunicato stampa del gruppo consigliare della Lega di Menani, ma soprattutto di Salvini, inviato ad un quotidiano locale che probabilmente non ne disdegna le posizioni, racconta dello “stato del settore terziario” secondo il racconto leghista e della decisioni prese “nel consiglio comunale di lunedì sera” che, dice la Lega, “ci vede soddisfatti per l’impegno assunto dall’amministrazione: capofila nazionale di una fondamentale iniziativa. Le diverse manifestazioni (tra cui #IOAPRO) che hanno dato voce ad un settore fortemente  penalizzato dalla pandemia e dal ritardo delle misure di sostegno, hanno finalmente avuto seguito in un pubblico consiglio, permettendo all’amministrazione comunale di mettere in campo iniziative volte al sostegno e alla futura promozione delle attività penalizzate in collaborazione con i diversi assessorati già all’opera da tempo per individuare le azioni più consone data l’incertezza del periodo”.

Va ricordato, per amor di legalità, che l’iniziativa in questione, quella che la Lega di Menani, ma soprattutto di Salvini, appoggia nel suo solito modo sgrammaticato, va contro i DPCM in vigore. IErgo contro la legge. Ne deriva che c’è chi può lavorare e chi no a seconda del colore politico? La scelta menaniana sembra andare in quella direzione. Ad esempio non si cono sentiti pronunciamenti a favore del mondo culturale, ma vista l’aria che tira sulla poltrona di primo cittadino e sul suo rapporto con il fine declamare, non c’è da stupirsi.

Si tratta di una straordinaria e bugiarda operazione di propaganda politica, la stessa che h portato al potere la Lega di Menani, ma soprattutto di Salvini, che conquistata la giunta sta facendo assai meno di quel che ha raccontato, con una idea di gestione del potere così straordinariamente leghista da non pensare nemmeno di prendere in considerazione gli emendamenti proposti dall’opposizione.

Non stupisce, considerando che questa è la Lega che voleva applicare multe a chi elargiva elemosine e scriverne nome e cognome in un registro informale [sic] testimoniando l’amore per le liste di proscrizione di una partito sempre più a destra e sempre meno di governo. Nonostante le poltrone che occupa con la sua propaganda e le incapacità che dimostra  – basti guardare a cosa succede in Lombardia.

 

(27 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 

 

 

 



Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: