13.7 C
Sassuolo
13.1 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeIl CommentoMeloni perdona loro perché non sanno quello che dicono

Meloni perdona loro perché non sanno quello che dicono

di Giancarlo Grassi

Le destre di governo che partivano dal 4% hanno dovuto imbarcare la qualunque perché è la qualunque che ti porta i voti nei vari collegi, collegini e collegetti: poi la qualunque ti presenta il conto. Sotto forma di dichiarazioni irresponsabili e di pubbliche ammissioni d’ignoranza o di deliranti indici puntati contro una fiction televisiva, già messa all’indice anche da un ex ministro della Famiglia noto per le sue dichiarazioni su presunte correlazioni tra nutrie e alluvioni, più che per i suoi invisibili meriti politici.

Grazie a questa gente che apre la bocca per darle fiato e viene sbugiardata (per opportunismo) dalle loro stesse compagnie cantanti, le destre di governo sono arrivate al 26,6% (al 29 nei sondaggi) e possono finalmente dimostrare a tutte e a tutti noi che di governare non sono capaci. E a queste destre di Meloni che non sanno governare e nemmeno sanno scrivere gli emendamenti, tanto da essere costretti a ritirarli, fanno molto comodo queste esternazioni da mercato ad orologeria perché permettono di distogliere l’attenzione dal fatto che in pochi mesi di governo non sono stati capaci nemmeno di fare l’indispensabile per il paese. Si sono invece occupati di ciò che loro ritengono indispensabile: cose fondamentali come i decreti anti-rave o il rovinare la vita dei figli delle coppie omogenitoriali o, ultima della serie, cambiare la legge elettorale dei Comuni, perché hanno perso a Udine. Un curriculum di cui andare fieri.

Così mentre la presidente del Consiglio fa battute sul non essere Mosè, sottolineando di non avere doti sovrannaturali – confermiamo una volta di più che si nota – si dimentica che per governare per tutto un paese e non solo per quello che si ritiene voglia la propria parte politica non occorrono doti sovrannaturali: occorrono onestà intellettuale, senso di responsabilità e capacità. E non se ne vedono. Si vedono ciabattini della politica che puntualmente scambiano il loro dito per il chiodo e ululano imbecillità dopo essersi presi a martellati da soli.

Così invece di intervenire e sbugiardare questi boccaloni Meloni perdona loro perché non sanno quello che dicono (e i loro sproloqui le permettono di devastare l’Italia senza disturbo). Davvero un grande governo.

 

 

(20 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



FIORANO MODENESE