Sardine a Palermo, migliaia di persone in piazza contro l’intolleranza. “Questa città non abbocca”

Altre Notizie

Le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano

di Redazione Scandiano La mattina del 27 gennaio le celebrazioni del Giorno della Memoria a Scandiano. Prima della commemorazione ufficiale, il sindaco Matteo Nasciuti ha lucidato la pietra d’inciampo dedicata a Guglielmo Corradini, antifascista e partigiano scandianese deportato e ucciso a Mathausen, in piazza Spallanzani. Con lui anche un parente di Corradini, Luca Basenghi, con la figlia […]

La Rocca di Scandiano in rosa per onorare il Giro d’Italia

di Redazione Sport Mancano 100 giorni alla partenza del Giro d’Italia 2023, qualcuno in più alla prima storica partenza di tappa da Scandiano, il 16 maggio nella frazione che condurrà i ciclisti a Viareggio. Nella serata del 26 gennaio l’amministrazione comunale ha dato appuntamento davanti alla Rocca a tutte le ciclistiche scandianesi per dare ufficialmente il […]

Condividi

foto: Live Sicilia

di Redazione #Palermo twitter@gaiaitaliacom #Sardine

 

Migliaia di persone in piazza, “Siamo diecimila”, cantano e lanciano slogan contro l’intolleranza in un raduno di piazza che ha superato in partecipazione le più rosee aspettative e che si è concluso di fronte al Teatro Massimo: anche il sindaco Orlando ha partecipato, ma non è intervenuto rilasciando un’unica dichiarazione alla stampa: “Questa città non abbocca”.

Gli slogan sono quelli ormai conosciuti “Palermo non si Lega”, “Seimila sardine antifasciste”. Cantano  “Bella ciao”. Gridano “Fuori la Lega” da Palermo”. Sono gente comune, studenti, lavoratori, professionisti, pensionati ed hanno cartelli, disegni e sardine di cartone appese al collo, attaccate ai giacconi. Sorridono. Sorridono tanto. E sorridono contro l’odio indotto dall’odio per allevare odiatori.

Riporta il quotidiano Repubblica la frase di uno degli organizzatori che dovrebbe diventare il libro sacro della politica che vuole la vita.

Questa piazza rappresenta una maggioranza silenziosa che si è svegliata e che afferma che i problemi dell’Italia non sono colpa del diverso, vogliamo che finisca la politica che alimenta l’odio sui social e nelle tribune politiche, ma chiediamo a tutta la politica di svegliarsi e rispondere alle esigenze della gente”. 

Lo facciano. Subito. Il tempo dei silenzi è finito.

 

 

(22 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: