Scherma. Nilde Lamanna sfiora la finale ma conquista il pass per la Coppa Italia Assoluti di fioretto

Altre Notizie

Condividi

di Redazione Sport

Grandissima prestazione della fiorettista sassolese Nilde Lamanna, classe 2006, nella Coppa Italia Regionale di Fioretto che si è disputata a Bologna il 2 aprile. La fiorettista sfiora la finalissima per il primo e secondo posto, perdendo 15 a 14 contro la forte atleta del Club Scherma Ariminum, Emma Zani classe 2005. Un assalto accesissimo e tirato con grande carattere e temperamento da parte delle due atlete emiliane. La fiorettista sassolese conquista poi il bronzo nella finale per il terzo e quarto posto e quindi si qualifica per la Coppa Italia Nazionale Assoluta. “Una grande soddisfazione per noi” – spiega Luciana Galano, tecnico del Sassuolo Scherma – “che, con grandi sacrifici e fatica, cerchiamo di portare avanti a Sassuolo una disciplina così affascinante come la scherma. Nilde, dopo un girone perfetto che ha concluso con ben tre vittorie su quattro assalti, vince la prima diretta 15 a 4 ma poi si ferma per entrare nella finalissima per il primo e secondo posto per una sola stoccata. Peccato, meritava di più! Nilde, assalto dopo assalto, ha dimostrato una crescente maturità e capacità di lettura dello stesso, tirando con grande concentrazione, sbagliando veramente poco e conquistando così il pass per rappresentare Sassuolo ad una gara così importante quale, la Coppa Italia Nazionale Assoluti di Fioretto. Mi posso ritenere soddisfatta e pronta a continuare il mio lavoro insieme al mio collega Gabriele Macchitelli per cercare di fare sempre meglio per la nostra scuola di fioretto”.

Buona anche la prestazione di Elettra Corradini, classe 2007, tra le più piccole della competizione, che si classifica all’ottavo posto.

“Un plauso a queste ragazze per il loro impegno, entusiasmo e combattività mostrata. Ritengo che le gare rappresentino un utile strumento per imparare a misurarsi con le difficoltà di uno sport e necessitino di determinate caratteristiche tecniche e fisiche per entrare pienamente nel  loro meccanismo. Inoltre, non si deve mai trascurare l’aspetto della  socializzazione e del vivere lo sport come una sana competizione, come momento di aggregazione e confronto indispensabile per una crescita personale”  – conclude così il tecnico del Sassuolo Scherma che, come sempre, invita tutti a provare questa meravigliosa disciplina presente a Sassuolo ormai dal lontano 2007.

 

(4 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: