11.5 C
Sassuolo
12.5 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità

CRONACA

Pubblicità

FIORANO MODENESE

Libri per la scuola di arabo di Fiorano Modenese

Donati dal Rotary di Sassuolo per i 70 studenti dell’attività didattica portata avanti dall’associazione “L’alba degli angeli”, provenienti da tutto il distretto ceramico [....]

Il mistero del liceo classico

EMILIA-ROMAGNA

HomeNotizieO delle favolose avventure di Bibì e Bibò

O delle favolose avventure di Bibì e Bibò

di Paolo M.Minciotti

Insomma, Signora mia, ci è andato a quel paese il Terzo Polo; un’altra volta, dirà lei, guarda che sfiga, siamo stati privati della breve puntata quotidiano delle “Delle favolose avventure di Bibì e Bibò”. Ora sappiamo entrambi, Signora mia, che il momento è complicato, il Renzi è spesso insopportabile, il Calenda sempre troppo spesso è ondivago, al governo c’è una roba che sappiamo cos’è, all’interno della quale Renzi nuota con capacità di galleggiamento che sono note, mentre ne largo mare delle destre Calenda potrebbe fare tutt’al più la boa. E sarebbe sballottata persino come tale.

Dunque succede, siamo nuovamente orfani del Terzo Polo e nessuno sa dove finiremo senza una forza politica di tale portata, poco più del 6% in due a litigarsi un decimale per gridare di più in televisione. Purtroppo, e dispiace, Calenda non ha capito che in Italia la politica è complicata anche se hai il 30% dei voti, figurarsi con il 3% e un po’: Perché lì il problema è che o sei Renzi – e piaccia o no il toscanaccio la sua intelligenza politica, fastidiosa quanto vi pare, è fuori discussione – oppure sei un altro che, nonostante la cultura e l’intelligenza, va in televisione il lunedì a dire la sua, poi va il mercoledì a dirne un’altra e la domenica un’altra ancora. Cambiando opinione ad ogni apparizione. E Calenda dà proprio quella sensazione lì.

Ora si aspetta un altro apparentamento a suon di baci e abbracci in vista delle Europee, l’ennesima alleanza a fini elettorali, l’ennesima sfuriata nell’immediato post, un altro divorzio e a stare a vedere dove andrà a finire stavolta dopo le elezioni europee del 2024 dove si vota col proporzionale. E sulla scheda se si scrive Bibì e Bibò la si annulla. Certo, meglio prima che dopo, se ci scusate l’ardita metafora.

 

 

(4 agosto 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 



LEGGI ANCHE